Volontario di Protezione Civile: Maxi multa per utilizzo improprio di un lampeggiante

lampeggiante-blu-volontari

Un volontario della protezione civile è stato condannato dal Tribunale di Modena a pagare 45mila euro per aver lasciato il lampeggiante utilizzato nelle zone colpite dal sisma del 2012, nel baule dell’auto. Nonostante fosse palese il motivo della detenzione del dispositivo il 36enne è stato denunciato dalla polizia per ‘possesso di segni distintivi contraffatti e detenzione di segni distintivi appartenenti alle forze di polizia’. (art 497 ter e 497 bis).

Secondo quanto riportato dal legale del volontario il suo assistito sarebbe stato fermato dalle forze dell’ordine dopo aver prestato servizio al mega concerto organizzato a Bologna per la raccolta fondi da destinare ai terremotati.

A nulla sono servite le spiegazioni del 36enne circa l’impiego del lampeggiante e le motivazioni per le quali l’oggetto non era stato riconsegnato all’associazione (dopo aver prestato servizio presso i campi il Volontario è partito direttamente alla volta di Bologna per svolgere servizio anche durante il mega evento).

“Purtroppo quanto messo a verbale dal vice presidente ha complicato ulteriormente la vicenda poiché, al momento di riconoscere il lampeggiante, l’uomo ha indicato quello di colore rosso e non il blu, vanificando le dichiarazioni di entrambi” Ha spiegato l’Avvocato del  Volontario.

Il 17 gennaio viene così emesso un decreto penale di condanna e il pm a seguito delle indagini, propone 180 giorni di reclusione, convertiti in una sanzione da 45 mila euro. Il gip accoglie la richiesta del pm e a dicembre 2013 il decreto viene notificato.

La domanda sorge spontanea: ma come è possibile che un volontario potesse avere un lampeggiante blu in dotazione sul proprio veicolo? Capiamo la situazione dovuta al terribile terremoto ma la legge vale per tutti! Certamente la sanzione è assolutamente sproporzionata ma sarebbe anche ora di iniziare a prendere dei seri provvedimenti.

ECCO LE SANZIONI PENALI CHE RISCHIA UN VOLONTARIO IN CASO DI ABUSI

4 COMMENTI

  1. Parlare senza conoscere e’ semplice … Il dispositivo era stato consegnato al volontario per riportarlo in sede il giorno dopo per non lasciarlo sul mezzo rimasto al campo di Mirandola … Non l aveva nel veicolo per fare chissà che

  2. i lampeggianti blu , come art. 177 cds devono essere installati solo su autoveicoli omologati a “servizio antincendio” i veicoli anche se intestati alle associazioni, ma che non hanno dispositivi omologati per servizio antincendio, riportati sul libretto NON possono usufruire di segnali luminosi blue e di sirena.
    Và da se che tutti i veicoli delle associazioni di volontariato di protezione civile non adibiti a tale servizio”antincendio”, oltre a non poter venire omologati quali veicoli di soccorso , almeno chè non trattasi di automediche, ambulanze, possono avere livree della protezione civile , se le stesse riportate su libretto, ma tuttalpiù possono utilizzare esclusivamente lampeggiante di colore arancione o rosso di tipo magnetico o fisso ,lampeggianti il cui uso è autorizzato per uso scorta ad esempio convogli , od altro .
    Quindi il presidente se avesse consegnato un lampeggiante di colore blue magnetico avrebbe delle responsabilità penali.
    Nella speranza di aver chiarito la normativa vigente , che spesso associazioni non rispettano Cordiali saluti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here