I Volontari della Protezione Civile, gli abusi nell’utilizzo dei lampeggianti

lampeggianti-protezione-civile

Continua la nostra campagna contro gli abusi del volontariato di Protezione Civile, dopo la gestione traffico ecco cosa dice la legge sull’impiego di sistemi d’emergenza luminosi e sonori.

Art. 177. Circolazione degli autoveicoli e dei motoveicoli adibiti a servizi di polizia o antincendio, di protezione civile e delle autoambulanze (a).

1. L’uso del dispositivo acustico supplementare di allarme e, qualora i veicoli ne siano muniti, anche del dispositivo supplementare di segnalazione visiva a luce lampeggiante blu è consentito ai conducenti degli autoveicoli e motoveicoli adibiti a servizi di polizia o antincendio e di protezione civile come individuati dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti su proposta del Dipartimento della protezione civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri, a quelli del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico del Club alpino italiano, nonché degli organismi equivalenti, esistenti nella regione Valle d’Aosta e nelle province autonome di Trento e di Bolzano, a quelli delle autoambulanze e veicoli assimilati adibiti al trasporto di plasma ed organi, solo per l’espletamento di servizi urgenti di istituto. I predetti veicoli assimilati devono avere ottenuto il riconoscimento di idoneità al servizio da parte del Dipartimento per i trasporti terrestri. Agli incroci regolati, gli agenti del traffico provvederanno a concedere immediatamente la via libera ai veicoli suddetti (1).

2. I conducenti dei veicoli di cui al comma 1, nell’espletamento di servizi urgenti di istituto, qualora usino congiuntamente il dispositivo acustico supplementare di allarme e quello di segnalazione visiva a luce lampeggiante blu, non sono tenuti a osservare gli obblighi, i divieti e le limitazioni relativi alla circolazione, le prescrizioni della segnaletica stradale e le norme di comportamento in genere, ad eccezione delle segnalazioni degli agenti del traffico e nel rispetto comunque delle regole di comune prudenza e diligenza.

3. Chiunque si trovi sulla strada percorsa dai veicoli di cui al comma 1, o sulle strade adiacenti in prossimità degli sbocchi sulla prima, appena udito il segnale acustico supplementare di allarme, ha l’obbligo di lasciare libero il passo e, se necessario, di fermarsi. È vietato seguire da presso tali veicoli avvantaggiandosi nella progressione di marcia.

4. Chiunque, al di fuori dei casi di cui al comma 1, fa uso dei dispositivi supplementari ivi indicati è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da € 78 a € 311.

5. Chiunque viola le disposizioni del comma 3 è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da € 38 a € 155 (2).

ECCO QUI UN VERO ABUSO

1425644_669369159760594_1329485968_n

10 COMMENTI

  1. POI l’uso dei dispositivi deve essere autorizzato the organi preposti, cioè FORZE DELL’ORDINE Polizia Municipale – Carabinieri – Polizia di Stato ecc. ecc. e via. I Volontari non Possono AUTO AUTORIZZARSI A FARNE USO e Solo su mezzi intestati ad una o alla propria ASSOCIAZIONE.

  2. Faresti bene a cambiare dicitura! Togliere ” io scrivo per passione ” e mettere io scrivo per interesse e speculazione su persone e associazioni che a titolo gratuito sopperiscono giornalmente alle mancanze delle istituzioni nei confronti dei cittadini!

  3. l’esposizione del girofaro a luce lampeggiante blu non è considerato un uso ne congiunto ne singolare. anche io privato cittadino posso esporla dove e come voglio, l’importante è che la stessa non venga accesa. quindi la foto del presunto”abuso” non trova alcun accoglimento. In più, se non ricordo male, la divisa nella foto in questione appartiene alle guardie ecozoofile, agenti gpg con tanto di decreto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here